Archivi categoria: Europa

Théo et Hugo dans le même bateau (Francia, 2016)

Standard

 Altro titolo:  “Paris 05:59: Théo & Hugo”

 

Download video    MEGA link          Sottotitolo italiano     MEGA link

 

Presentato nella sezione Panorama alla Berlinale 2016 e vincitore del Teddy Award (premio cinematografico internazionale per film con tematiche LGBT), Théo e Hugo dans le même bateau, dei registi Olivier Ducastel e Jacques Martineau (compagni di lavoro e di vita), traccia con precisione e trasporto un percorso materiale per le vie di Parigi, simbolo di un viaggio verso una progressiva trasmutazione dei sentimenti.
È un film poetico e viscerale che parte dal puro incontro sessuale (venti minuti iniziali di sesso ripresi con totale immersione e senza tabù), per proiettare il seguito in una dimensione reale e partecipata. Sono 93 minuti reali, dalle 4:27 alle 5:59 in una affascinante Parigi notturna, attraverso cui la passione dei primi istanti muta lentamente e dolorosamente in sentimento.
Il film è stato girato nel corso di 15 giorni, incluse 9 notti, a basso budget. In origine la sceneggiatura prevedeva lo svolgimento della vicenda su 28 giorni, in seguito modificato nella durata in tempo reale dei 93 minuti del film.

Il titolo fa riferimento al film di Jacques Rivette “Céline et Julie vont en bateau: Phantom Ladies Over Paris”(1974).
Il nome Théo di uno dei protagonisti e il titolo alternativo (Paris 5:59: Théo & Hugo) sono un omaggio al film di Agnès Varda “Cléo de 5 à 7” (1962).

Leggi il resto di questa voce

Annunci

Fronteras – A escondidas (Spagna, 2014)

Standard
Sottotitolo italiano    MEGA link                     Download film     MEGA link

 

Bella e coinvolgente opera seconda del regista spagnolo Mikel Rueda ( che ha impiegato ben sette anni per la sua realizzazione), che affronta nello stesso tempo le tematiche parallele dell’immigrazione in Europa e della scoperta dell’amore omosessuale tra due adolescenti. La questione dell’immigrazione si può considerare parallela a quella dell’omosessualità, in quanto ne condivide il destino di problematica sociale ancora irrisolta.
Immigrazione e omosessualità possono solo essere accettate o rifiutate in toto, secondo gli schemi ideologici prevalenti nelle nostre società, non potendosi in ogni caso prevedere atteggiamenti ambigui o falsi, ma unicamente il superamento dell’emarginazione.


A escondidas è stato insignito del Premio Queer al trentesimo Torino Gay and Lesbian Film Festival 2015, assegnato al film che meglio rappresenta le tematiche dell’omosessualità e della ricerca del sé nell’adolescenza.
«Il film vincitore – si legge nella motivazione –, grazie alla struttura narrativa a puzzle e il montaggio a incastro, riesce a risolversi in un cerchio perfetto. Una delle motivazioni principali che ci ha portato alla scelta del film vincitore è stata la presenza di attori non professionisti ben diretti, che introducono freschezza, bellezza e giovinezza in un film che racconta d’amicizia e amore, indistinti, puri e profondi. Speriamo che il film vincitore del Premio Queer trovi una distribuzione italiana e che la dimensione universale di una storia carica di speranza possa così approdare anche nelle scuole».

Leggi il resto di questa voce

Closet monster (Canada, 2015)

Standard
.
Sottotitolo italiano    MEGA link                     Download film     MEGA link

 

Closet Monster è un film del 2015 scritto e diretto da Stephen Dunn, giovane regista di 26 anni alla sua prima prova importante. I riferimenti all’altro enfant prodige del cinema canadese, Xavier Dolan (J’ai tué ma mère) sono inevitabili, ma Dunn sviluppa comunque un suo personale stile del quale speriamo di vedere ulteriori sviluppi.
Closet Monster approfondisce la difficoltà dell’adolescente a comprendere le proprie inclinazioni, fra desideri e paure, e con la presenza ingombrante del super-io paterno. Nel film il conflitto con il padre, prima ancora di un conflitto fra individuo e cultura della società, è un conflitto vissuto interiormente dal protagonista, e per questo anche più drammatico.
Per un approfondimento rimando all’eccellente scheda su Cinemagay.it (https://www.cinemagay.it/film/closet-monster/)

Il film ha vinto il premio come miglior film canadese al Toronto International Film Festival 2015. Il titolo del film, letteralmente Il mostro nell’armadio, fa riferimento ai vestiti nell’armadio della madre del protagonista, che lo ha abbandonato quando era piccolo.

Leggi il resto di questa voce

Baisers cachés (Francia, 2016)

Standard

 

Sottotitolo italiano    MEGA link                     Download film     MEGA link

 

Baisers cachés è un film per la televisione realizzato dal regista Didier Bivel nel 2015 e diffuso la prima volta nell’agosto 2016 sulla RTS (Radio televisione Svizzera).
Premio della Critica al Festival des Créations Audiovisuelles di Luchon 2016.
Trattandosi di film TV risalta particolarmente l’intento pedagogico di denuncia di ogni forma di bullismo e omofobia, fuori e dentro la scuola.
Anche in presenza di significativi progressi nella conquista di alcuni diritti, come dice uno dei personaggi del film: “Poiché abbiamo una leggina sul matrimonio pensi che ora vada tutto bene?”.

Al di là di queste intenzioni, si tratta comunque di un film coinvolgente ed emozionante, la cui forza di coinvolgimento va al di là dei clichés del coming out adolescenziale, delle storie scolastiche, dell’odio irragionevole verso il diverso: fino a che le cose non cambieranno davvero, sarà necessario percorrerli ancora e ancora, senza averne mai abbastanza.

Leggi il resto di questa voce

O Ornitólogo (Portogallo, 2016)

Standard
Sottotitolo italiano    MEGA link                     Download film     MEGA link

 

O ornitólogo è il quinto film del regista portoghese João Pedro Rodrigues, già presentato nel nostro blog con O Fantasma (2000), sua opera prima, e Odete (2005).
Il film ha avuto il premio per la miglior regia al Festival di Locarno 2016.
Senza altri discorsi, mi limito a citare un brano dalla bella recensione su Cinemagay.it, della quale raccomando l’illuminante lettura integrale.
“Potrebbe sembrare un’opera complessa, stravagante, difficile, invece, grazie ad una mirabile composizione registica, risulta emozionante, rinfrescante, raffinata, e potremmo dire anche facile. Dovrebbe raccontarci, del tutto aggiornata e con riferimenti autobiografici (soprattutto omosessuali), la storia di San Antonio da Padova, un santo nato alla fine del 12mo secolo a Lisbona da una nobile famiglia. Dopo aver studiato teologia iniziò una serie di viaggi come monaco francescano tra Europa e Africa, terminando la sua vita a Padova, la città che ancora lo venera e dove vengono girate le ultime scene del film.”
All’inizio Sant’Antonio si chiamava Fernando, come il protagonista del film: trovata la fede dopo un lungo percorso di dolore e scoperta divenne Sant’Antonio. Alla fine del film il personaggio di Antonio si presenta con il volto dello stesso regista João Pedro Rodrigues.

Il Sant’Antonio di Rodrigues è invece un ornitologo, Fernando (Paul Hamy), in viaggio da solo nel selvaggio nord-est del Portogallo, con la sua canoa, il binocolo e uno smart che usa per registrare le sue riflessioni. È così incantato ad ammirare un volo di cicogne nere che la canoa, entrata nelle rapide, si capovolge tramortendolo, e Fernando viene sospinto immobile e insanguinato sulla riva del fiume.

Hieronymus Bosch: Trittico delle Tentazioni di Sant’Antonio (1501)
Museu Nacional de Arte Antiga di Lisbona.

Leggi il resto di questa voce

Formiche senza ombrello – serie TV (Giappone, 2016)

Standard
Download  serie    MEGA link                                    Download  sottotitoli     MEGA link

 

Titolo originale: Kasa wo Motanai Aritachi wa, una breve serie TV giapponese in 4 episodi della durata di circa 20 minuti ciascuno, andata in onda nel gennaio 2016.
La storia riguarda Hashimoto Jun, uno scrittore in crisi, coinvolto negli anni della scuola superiore in una storia di grande amicizia con un ragazzo gay, Murata Keisuke.

01-locandina-2

La trama è tratta dall’omonima raccolta di racconti scritta da Shigeaki Kato (attore, membro dei NEWS e scrittore) pubblicata nel 2015.
I NEWS sono il gruppo musicale che esegue la canzone guida della serie, intitolata Hikari no Shizuku (Gocce di luce).

Leggi il resto di questa voce

Make It Right: La Serie (Thailandia, 2016)

Standard
Sottotitoli italiano    MEGA link              Download serie 12 episodi     MEGA link

 

Make it right (titolo originale: รักออกเดิน Ruk Auk Dern), è una serie TV basata sull’omonimo romanzo del genere cosiddetto BL (Boys Love).
La serie si svolge su 12 puntate di circa 45 minuti ciascuna ed è andata in onda fra maggio e giugno 2016 sul canale TV thailandese Channel 9 e sulla web TV LINE.
Una seconda stagione della serie è attualmente in lavorazione, come confermato dall’attore della serie Boom Krittapak. Secondo un altro attore, Toey Sittiwat, la seconda stagione sarà filmato durante la seconda metà del 2016. In ogni caso l’uscita della seconda serie è prevista per il 2017.
NOTA: i nomi ‘ufficiali’ thailandesi sono effettivamente lunghi e complessi, non solo per noi, tanto che solitamente i giovani adottano dei secondi nomi molto brevi, in seguito riportati fra virgolette.

Make it right segue le vicende romantico-sentimentali di un gruppo di ragazzi in un liceo di Bangkok, che scoprono la nascita di certi sentimenti dentro sé stessi e di fronte ad una società che li giudica.

Leggi il resto di questa voce

Beautiful thing – repost vers. DVD (ENG, 1996)

Standard
Downloaf film vers. DVD    MEGA link
Sottotitolo italiano vers. DVD    MEGA link

 

Revisione dei sottotitoli e video di migliore qualità, per uno dei film più belli e commuoventi.

Beautiful Thing è un film inglese del 1996 diretto da Hettie Macdonald.
Il soggetto è basato su un’omonima commedia teatrale scritta da Jonathan Harvey. Il film racconta la tenera e nascente storia d’amore tra due ragazzi, che dovranno lottare con le loro paure e le difficoltà nell’accettare e dichiarare la propria natura, a causa del contesto familiare e dell’ambiente in cui vivono.

beautiful-thing-movie-poster-1996-1020298654

Nella periferia di Londra, nel quartiere popolare di Thamesmead, vivono gli adolescenti Jamie,  Ste e Leah.  Jamie ha problemi a socializzare con i coetanei e una poca predisposizione per le attività sportive, vive un rapporto conflittuale con la madre Sandra, una donna energica e appariscente che lavora in un pub, l’unico che sembra dargli ascolto è Tony,  il nuovo compagno della madre. Ste vive assieme al padre violento e al fratello spacciatore, subendo umiliazioni e violenze da entrambi,  Leah invece è una ragazza sboccata e sopra le righe, che cerca di sfuggire a quel mondo proletario, ascoltando la musica di Mama Cass, che lei praticamente venera.

Leggi il resto di questa voce

Repost ~ Juste une question d’amour (Francia-Belgio, 2000)

Standard
Trattandosi di un classico della cinematografia LGBT ho voluto fare una revisione dei sottotitoli, risalenti a diversi anni fa, e procurare una copia video di buona qualità.
Nuova revisione e timing dei sottotitoli      Download  MEGA link         
Video di migliore qualità      Download   MEGA link
.

Il film è stato trasmesso il 26 gennaio 2000 in prima serata dalla televisione francese (France 2) ed ha avuto 6,3 milioni di spettatori, equivalenti al 28,6 % di share. Nelle tre settimane successive il network ha ricevuto solo tre lettere di protesta contro migliaia di lettere di elogio.

080417105338_l

Laurent, giovane studente ripetente di un liceo agrario, deve cominciare, per punizione, uno stage presso un laboratorio gestito da un giovane ricercatore, Cédric, di circa dieci anni più vecchio di lui. I due presto si innamorano ma col passare del tempo le pressioni su Laurent da parte di Cédric affinché Laurent lo presenti ai suoi genitori si fanno sempre più
incessanti.

Leggi il resto di questa voce

Silent youth (Germania, 2012)

Standard
Sottotitolo italiano    MEGA link                    

 

Regia e sceneggiatura Diemo Kemmesies.
Film meditativo, in una Berlino onirica, primi piani nello stile dei fratelli Dardenne, un film breve ma intenso in cui i silenzi valgono quanto i dialoghi.

Marlo e Kirill si incontrano su una passerella sopra una stazione ferroviaria di Berlino e trascorrono i giorni seguenti per le strade, cercando di capire ciò che possono volere da sé stesso o dall’altro.

Leggi il resto di questa voce