Archivi categoria: Gay

The falls (USA, 2012)

Standard
Download video    MEGA link          Sottotitolo italiano     MEGA link

 

Il tema dell’amore gay tra i seguaci della chiesa Mormone in USA era già stato trattato nel famoso Latter days (2003). Stavolta però in The falls (2012), del regista Jon Garcia, le tematiche melò di Latter days sono messe da parte, per evidenziare invece l’impossibilità da parte delle religioni a sfondo tradizionalista (cioè quasi tutte) di accettare l’omosessualità dei suoi membri.
Il regista Garcia ha detto di avere scritto la sceneggiatura del film pensando alla sua adolescenza, quella di un ragazzo cresciuto come parte integrante della comunità di una piccola e chiusa cittadina sentendosi allo stesso tempo molto diverso.
Il film ha avuto due sequel da parte dello stesso regista: The falls -Testament of love (2013) e The falls – Covenant of grace  (2016), dei quali spero di occuparmi in seguito.

Le cascate del titolo si riferiscono alle Clackamas Falls (Oregon), e sono una metafora della sorta di piano inclinato verso la perdizione sul quale si sentono spinti i due protagonisti.

Leggi il resto di questa voce

Fronteras – A escondidas (Spagna, 2014)

Standard
Sottotitolo italiano    MEGA link                     Download film     MEGA link

 

Bella e coinvolgente opera seconda del regista spagnolo Mikel Rueda ( che ha impiegato ben sette anni per la sua realizzazione), che affronta nello stesso tempo le tematiche parallele dell’immigrazione in Europa e della scoperta dell’amore omosessuale tra due adolescenti. La questione dell’immigrazione si può considerare parallela a quella dell’omosessualità, in quanto ne condivide il destino di problematica sociale ancora irrisolta.
Immigrazione e omosessualità possono solo essere accettate o rifiutate in toto, secondo gli schemi ideologici prevalenti nelle nostre società, non potendosi in ogni caso prevedere atteggiamenti ambigui o falsi, ma unicamente il superamento dell’emarginazione.


A escondidas è stato insignito del Premio Queer al trentesimo Torino Gay and Lesbian Film Festival 2015, assegnato al film che meglio rappresenta le tematiche dell’omosessualità e della ricerca del sé nell’adolescenza.
«Il film vincitore – si legge nella motivazione –, grazie alla struttura narrativa a puzzle e il montaggio a incastro, riesce a risolversi in un cerchio perfetto. Una delle motivazioni principali che ci ha portato alla scelta del film vincitore è stata la presenza di attori non professionisti ben diretti, che introducono freschezza, bellezza e giovinezza in un film che racconta d’amicizia e amore, indistinti, puri e profondi. Speriamo che il film vincitore del Premio Queer trovi una distribuzione italiana e che la dimensione universale di una storia carica di speranza possa così approdare anche nelle scuole».

Leggi il resto di questa voce

The Boy Next Door – Serie TV (Corea, 2017)

Standard
Video    BOX link              Sottotitoli     MEGA link


Titolo originale: 썸남 – Sseomnam
Una serie di 15 mini episodi della durata di 5-6 minuti l’uno, usciti fra aprile e maggio 2017. Ispirata alla storia di un webtoon, nella quale però sono introdotte alcune varianti, soprattutto il fatto che ad essere “vicini della porta accanto” sono due ragazzi e non un ragazzo e una ragazza. Si origina da questo una sorta di “bromance“, che sconfina in una ambigua storia di “Boys love“, mai ben risolta, ma dalle cui situazioni si sviluppa una serie di scene estremamente godibili e divertenti.
In pratica dalla Corea arriva la più divertente parodia ‘Boys Love’ di sempre, basta vedere la confusione nella quale è gettata continuamente la povera Min Ha!


Gran parte del merito è degli attori protagonisti, già ampiamente sperimentati, soprattutto il mio amato Choi Woo Shik (Park Kyu-tae), capace di passare da ruoli comici (il recente drama Oh Goo’s love) ad un ruolo drammatico come nel film Set me free (2014).
Alcuni cantanti e attori coreani si sono prestati a brevi apparizioni nelle quali interpretano se stessi, ad esempio la cantante Joy e l’attrice Kim Hee Jung.

Leggi il resto di questa voce

Till death tear us apart – serie TV (Cina, 2017)

Standard
Episodi 1-5    MEGA ink             Episodi 1-5 sottotitoli        MEGA link
 

Altro titolo: Formerly love is in a blaze 1944 (愉此一生 (1944锦城骄阳)

Una serie TV in 15 episodi di circa 25 minuti, annunciata alla fine del 2016. La prima puntata è stata messa in onda il 14 febbraio 2017, giorno di San Valentino. Una storia d’amore fra 2 giovani uomini nel periodo finale (1944) della guerra di resistenza all’invasione giapponese della Cina.
Dopo che nella primavera dello scorso anno la censura del governo cinese si è abbattuta sull’abbondante e spregiudicata produzione di video cosiddetti B.L. (Boys Love), i successivi prodotti di genere risentono inevitabilmente le conseguenze di una censura che se non imposta direttamente, è altrettanto efficace in quanto sicuramente autoimposta. Come segnalato da utenti che hanno visto l’intera serie, le scene esplicite sono molto rare, ma in compenso un’aura sentimentale e romantica avvolge le scene dei due protagonisti, di sesso esplicito ce n’è fin troppo a giro, se ne può ben fare a meno.


In ogni caso scene e costumi sono molto curati, così come le scene di azione, lo spettacolo non manca.
Da segnalare la bella canzone della sigla iniziale, basata su melodie in stile tradizionale. La canzone porta lo stesso titolo della serie ed è cantata da Yan Zidong (晏紫东).

Leggi il resto di questa voce

Gay OK Bangkok – web serie (Thailandia, 2106)

Standard
5 episodi sottotitoli italiano   MEGA link      5 episodi download video   MEGA link
.
Progetto in collaborazione con il blog Keep Calm & BL Asia

 

5 episodi in onda sulla web TV LINE e successivamente su Youtube, a partire dal febbraio 2016.
Racconta la vita di 6 giovani gay nella capitale thailandese: Pom, Big, Aof, Nat, Arm e Pete.
Gay OK Bangkok è stata prodotta da LINKAGES Thailand, partner della Coalizione Asia-Pacifico per la salute sessuale maschile (APCOM).
La serie fa parte della campagna TestBKK, che cerca di stimolare la domanda di test HIV per uomini che hanno rapporti omosessuali a Bangkok e in Tailandia. A questo scopo gli episodi sono collegati al sito TestBKK, dove gli spettatori possono ottenere maggiori informazioni.


Rispetto alla media dei correnti prodotti BL-LGBT provenienti dalla Thailandia, Gay OK Bangkok spicca per la qualità dei soggetti e dei dialoghi, credibili e mai banali. Nel primo mese di messa in onda la serie è stata vista da più di 60 mila persone e sono appena usciti gli episodi dell’attesa seconda serie.

Arm e Nat.

Leggi il resto di questa voce

HIStory 2: Stay Away From Me (Taiwan, 2017)

Standard
 Sottotitoli italiani     MEGA link             Download serie     MEGA link

 

HIstory è una trilogia di 3 brevi serie appena prodotte dalla neonata rete web CHOCO TV di Taiwan, visibile gratuitamente solo tramite app (scaricabile da qui la versione Android) e rivolta principalmente al pubblico in lingua cinese, tanto che non sono presenti sottotitoli in altra lingua.
Le 3 serie sono di tematica cosiddetta BL (boys Love) e  Stay away from me la seconda uscita in ordine di tempo.  La prima serie è intitolata My hero e la terza Obsessed.
La struttura narrativa è molto semplice ma, trattandosi di Taiwan, con uno sviluppo abbastanza piacevole, lontano dalle trame e situazioni spesso abborracciate provenienti dalla Cina.

Ogni serie si sviluppa su 4 episodi di circa 20 minuti, la traduzione dei sottotitoli delle 3 serie verranno pubblicate via via che saranno disponibili, in stretta collaborazione con il Gruppo Facebook Keep Calm & BL Asia.

Leggi il resto di questa voce

Closet monster (Canada, 2015)

Standard
.
Sottotitolo italiano    MEGA link                     Download film     MEGA link

 

Closet Monster è un film del 2015 scritto e diretto da Stephen Dunn, giovane regista di 26 anni alla sua prima prova importante. I riferimenti all’altro enfant prodige del cinema canadese, Xavier Dolan (J’ai tué ma mère) sono inevitabili, ma Dunn sviluppa comunque un suo personale stile del quale speriamo di vedere ulteriori sviluppi.
Closet Monster approfondisce la difficoltà dell’adolescente a comprendere le proprie inclinazioni, fra desideri e paure, e con la presenza ingombrante del super-io paterno. Nel film il conflitto con il padre, prima ancora di un conflitto fra individuo e cultura della società, è un conflitto vissuto interiormente dal protagonista, e per questo anche più drammatico.
Per un approfondimento rimando all’eccellente scheda su Cinemagay.it (https://www.cinemagay.it/film/closet-monster/)

Il film ha vinto il premio come miglior film canadese al Toronto International Film Festival 2015. Il titolo del film, letteralmente Il mostro nell’armadio, fa riferimento ai vestiti nell’armadio della madre del protagonista, che lo ha abbandonato quando era piccolo.

Leggi il resto di questa voce

Baisers cachés (Francia, 2016)

Standard

 

Sottotitolo italiano    MEGA link                     Download film     MEGA link

 

Baisers cachés è un film per la televisione realizzato dal regista Didier Bivel nel 2015 e diffuso la prima volta nell’agosto 2016 sulla RTS (Radio televisione Svizzera).
Premio della Critica al Festival des Créations Audiovisuelles di Luchon 2016.
Trattandosi di film TV risalta particolarmente l’intento pedagogico di denuncia di ogni forma di bullismo e omofobia, fuori e dentro la scuola.
Anche in presenza di significativi progressi nella conquista di alcuni diritti, come dice uno dei personaggi del film: “Poiché abbiamo una leggina sul matrimonio pensi che ora vada tutto bene?”.

Al di là di queste intenzioni, si tratta comunque di un film coinvolgente ed emozionante, la cui forza di coinvolgimento va al di là dei clichés del coming out adolescenziale, delle storie scolastiche, dell’odio irragionevole verso il diverso: fino a che le cose non cambieranno davvero, sarà necessario percorrerli ancora e ancora, senza averne mai abbastanza.

Leggi il resto di questa voce

O Ornitólogo (Portogallo, 2016)

Standard
Sottotitolo italiano    MEGA link                     Download film     MEGA link

 

O ornitólogo è il quinto film del regista portoghese João Pedro Rodrigues, già presentato nel nostro blog con O Fantasma (2000), sua opera prima, e Odete (2005).
Il film ha avuto il premio per la miglior regia al Festival di Locarno 2016.
Senza altri discorsi, mi limito a citare un brano dalla bella recensione su Cinemagay.it, della quale raccomando l’illuminante lettura integrale.
“Potrebbe sembrare un’opera complessa, stravagante, difficile, invece, grazie ad una mirabile composizione registica, risulta emozionante, rinfrescante, raffinata, e potremmo dire anche facile. Dovrebbe raccontarci, del tutto aggiornata e con riferimenti autobiografici (soprattutto omosessuali), la storia di San Antonio da Padova, un santo nato alla fine del 12mo secolo a Lisbona da una nobile famiglia. Dopo aver studiato teologia iniziò una serie di viaggi come monaco francescano tra Europa e Africa, terminando la sua vita a Padova, la città che ancora lo venera e dove vengono girate le ultime scene del film.”
All’inizio Sant’Antonio si chiamava Fernando, come il protagonista del film: trovata la fede dopo un lungo percorso di dolore e scoperta divenne Sant’Antonio. Alla fine del film il personaggio di Antonio si presenta con il volto dello stesso regista João Pedro Rodrigues.

Il Sant’Antonio di Rodrigues è invece un ornitologo, Fernando (Paul Hamy), in viaggio da solo nel selvaggio nord-est del Portogallo, con la sua canoa, il binocolo e uno smart che usa per registrare le sue riflessioni. È così incantato ad ammirare un volo di cicogne nere che la canoa, entrata nelle rapide, si capovolge tramortendolo, e Fernando viene sospinto immobile e insanguinato sulla riva del fiume.

Hieronymus Bosch: Trittico delle Tentazioni di Sant’Antonio (1501)
Museu Nacional de Arte Antiga di Lisbona.

Leggi il resto di questa voce

Esteros (Argentina, 2016)

Standard
Sottotitolo italiano    MEGA link                     Download film     MEGA link

 

Gli Esteros del Iberá, nel nord dell’Argentina al confine con il Brasile, sono un insieme di paludi, acquitrini, stagni, collegati fra di loro da brevi canali, che costituiscono una vasta zona umida, la seconda più grande zona umida del pianeta dopo il Pantanal brasiliano. Le acque degli Esteros sono di origine pluviale e ricoprono una superficie totale di circa 20.000 km². Gli Esteros del Iberá sono anche una delle più importanti riserve di acqua dolce del Sud America.
Esteros è un vocabolo spagnolo che significa zone umide. Iberá è un vocabolo che deriva da due termini dalla lingua guaraní: «î» (acqua) e «berá» (luminoso) e pertanto Îberá potrebbe essere tradotto in italiano con l’espressione “acqua splendente“.

Esteros è anche il titolo del primo film del regista  argentino Papu Curotto, per gran parte girato all’interno dell’immensa zona umida.
È stato vincitore del premio speciale della giuria e del premio del pubblico al Gramado Film Festival 2016 e programmato come evento centrale all’Outfest 2016.

Un film bello e sincero, diviso equamente tra il momento attuale ed i flashback dell’infanzia, basato sulla storia autobiografica del regista, qui al suo esordio nel lungometraggio.

Leggi il resto di questa voce